»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


WELFARE. IL PD: 'DOPO 15 ANNI LEGGE 328 ANCORA VALIDA, MA DA RILANCIARE'
10 novembre 2015

 

Presente la sua autrice Livia Turco e l'attuale ministro Giuliano Poletti, il partito ha fatto il punto sulla legge quadro sulle politiche sociali. I nodi restano la disomogeneità dei comportamenti delle regioni e l'incertezza dei fondi

(RED.SOC.) ROMA - Promozione di politiche che aiutino le persone a sviluppare le capacità residue, rafforzamento di reti che tengano conto dei nuovi attori del welfare, capacità di leggere i nuovi bisogni e innovare le risposte sociali: sono questi, secondo Livia Turco, gli ingredienti per il rilancio della ''sua'' legge 328 (varata mentre era ministra della Solidarietà), meglio conosciuta come legge quadro sulle politiche sociali, e discussa oggi in un convegno del Pd alla Camera a 15 anni dalla sua approvazione. ''La forza di quella legge è sempre stata la forte condivisione con cui è nata - ha spiegato Turco - che non dipese da un legislatore illuminato, ma da un sentire nazionale comune. Il valore della 328 è quello di aver saputo dare dignità a un intero comparto, ma con gli occhi di oggi dobbiamo considerare che lo stesso testo non tiene conto di nuovi bisogni quali migrazioni, invecchiamento della popolazione, cronicità''. Ma a mancare è soprattutto l'omogeneità tra le regioni. In quindici anni, ogni territorio ha interpretato e applicato a suo modo i principi del testo. Cinque regioni non hanno ancora recepito la legge e, tra quelle che lo hanno fatto, solo 12 si sono assunte la responsabilità di procedere con i piani di attuazione. Il quadro dell'integrazione socio-sanitaria è frammentato e la stessa integrazione zoppica in tutte quelle regioni interessate da piani di rientro sanitari. La mancata definizione dei Leps (livelli essenziali delle prestazioni sociali) a livello nazionale non aiuta a definire quali e quanti servizi potersi permettere e, se a questo si aggiunge che solo 9 regioni hanno recepito i Lea (Livelli essenziali di assistenza), ben si comprende come risulti difficile anche la ripartizione di costi per quegli interventi che sono sociali, ma anche sanitari.

Dei fondi dedicati si è fatto interprete Pietro Barbieri, portavoce del Forum nazionale del terzo settore. ''La 328 - ha spiegato - non ci sarebbe se non esistesse il terzo settore che legge i bisogni e progetta insieme all'ente locale. Diritti e universalismo sono la forza di questa legge, ma la terza gamba manca sempre: è il grande tema delle risorse. C'è la sanità da una parte, la previdenza dall'altra. In mezzo un sociale sempre più indebolito e non esiste un piano nazionale dal 2000''.

''L'impianto della legge 328 - ha affermato Donata Lenzi, capogruppo Pd in commissione Affari sociali - è ancora attuale; è una legge che guarda lontano, basti pensare ai riferimenti al terzo settore, alla definizione delle competenze dei comuni e delle regioni, alla valorizzazione degli operatori e all'attenzione ai servizi domiciliari. Le politiche sociali devono cambiare insieme alla società che cambia rapidamente. A questo proposito, confermiamo il nostro impegno per una rapida approvazione della legge sul 'Dopo di noi', già finanziata nella legge di Stabilità, dopo che è già stata approvata la legge sull'autismo. Vorremmo che il sistema integrato messo in campo 15 anni fa con la legge 328 proseguisse; perché mentre la politica discute, la società va avanti e cambia''.

''Non possiamo ripartire dal 2000 - ha infine chiosato il ministro del Lavoro e politiche sociali Giuliano Poletti - benché siano state pensate e messe in campo cose sagge. Oggi dobbiamo capire cosa recuperiamo in positivo, ma anche che impianto di governance costruiamo. Ripartiamo dal ben fatto e valutiamo con coscienza quello che ha funzionato e quello che ha funzionato meno''.




TAGS:
welfare |  servizi sociali |  legge 328 | 




Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'terzo settore' »

TAGCLOUD
parità di genere pensioni università sanità terzo settore salute welfare legge di stabilità emilia-romagna Bersani attività parlamentare affari sociali bologna festa. unità legge di stabiità donne elezioni esodati decreto sanità


AGENDA
16 ottobre 2017
PIU' DIRITTI PER UNA SOCIETA' PIU' GIUSTA
14 ottobre 2017
Testamento biologico. BOLOGNA
07 ottobre 2017
Fine vita. IVREA (TO)

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl