»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Manovra d'estate. I parte
28 luglio 2008

 
Una manovra di 36,2 miliardi di euro in tre anni, mentre i giornali sono stati in silenzio o hanno parlato di altro. Una manovra approvata in nove minuti e pubblicata otto giorni dopo (perchè dovevano ancora scriverla). Corretta dal governo con 130 emendamenti e con un maxi emendamento finale di 74 pagine. Fatta disprezzando il Parlamento. Riduce per decreto i poteri di controllo del Parlamento sul bilancio dello stato. Una manovra che taglia ministeri, scuola, università, enti locali e stipendi. Una manovra di cui l'opposizione DEVE parlare a lungo. Per saperne di più ecco l'intervento di Bersani.

Dichiarazione di voto dell'On Bersani sulla questione di fiducia alla manovra economica del Governo Berlusconi.
Atti Parlamentari - Camera dei Deputati XVI Legislatura. Seduta del 21 luglio.

PIER LUIGI BERSANI. Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei cominciare con una domanda da rivolgere al Governo: che cosa c'entra questa manovra economica con la crisi che denunciate e che denunciate spesso con dei toni apocalittici. Da quel che leggiamo la crisi dovrebbe derivare da errori, forse da complotti di mondialisti, globalisti, mercatisti, all'occorrenza anche comunisti e da centrali di speculazione. Con tutti questi, noi, opposizione, saremmo sostanzialmente o, almeno, culturalmente collusi. Ecco allora la prima richiesta: fermate per favore queste parole e questo modo di discutere. Se vogliamo parlare seriamente, sappiamo anche noi, prima di voi, che il mondo così non va e c'è bisogno di regolarlo meglio. Abbiamo imparato da altre fasi della storia, da altre impietose globalizzazioni, sia gli errori di un positivismo ingenuo, sia le drammatiche colpe di culture protezionistiche difensive, nazionaliste che portarono anche ad immani tragedie. So bene che la storia non si ripete. So bene quanti distinguo potreste fare di fronte ad accuse di protezionismo, di chiusura, di localismo, ma i sofismi da convegno valgono poco. Di fronte ai problemi che la globalizzazione ci scarica davanti alla porta di casa e che noi dobbiamo assieme razionalmente dominare, vale il messaggio che si dà al senso comune, al corpo grosso del Paese e voi, da tempo, state dando un messaggio che a me sembra un po' pericoloso. Noi italiani, da mille anni, siamo un Paese che importa materie prime che non ha e le trasforma  sapientemente in prodotti che esporta. Se inoculiamo nel senso comune germi che contraddicono questa apertura, non sapremo più che mestiere fare e taglieremo il ramo sul quale siamo seduti (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). Parliamo, dunque, di crisi ma parliamone razionalmente. Tra mutui americani e materie prime ci sta arrivando un « uno due » che può davvero stordirci... PRESIDENTE. Scusi, onorevole Bersani, pregherei i colleghi di non fare capannello e di non intrattenere i rappresentanti del Governo. PIER LUIGI BERSANI. La ringrazio, signor Presidente. Dicevo che tra mutui americani e materie prime ci arriva un « uno-due » che può farci male e che si aggiunge ai nostri problemi. Come reagiamo ? Come evitiamo, tenendo i conti in regola, che la nostra economia perda vitalità e che lo tsunami dell'inflazione si scarichi sulle famiglie più deboli ? Come evitiamo che la questione economica e la questione sociale si avvitino nella crisi, moltiplicandosi a vicenda ? Trovo che un tentativo di risposta a questa fondamentale domanda nella manovra non vi sia. In questa manovra, Ministro Tremonti, che in nome dell'urgenza ha travolto procedure, ha umiliato Parlamento e opposizione, in questa manovra notturna, un po' catacombale perché il proscenio era dovuto ai problemi del Premier, in questa manovra fatta ad ondate successive di norme piene di mille disparate cose, manca un intervento davvero urgente e, cioè, sostanzialmente un pacchetto di misure - questo, Ministro, non c'è dal primo momento, dalla manovra ICI - che rafforzino nell'immediato il potere d'acquisto di retribuzioni e pensioni, che favoriscano nell'immediato la chiusura dei contratti e la riforma della contrattazione, che sollecitino nell'immediato investimenti pubblici e privati a fini di produttività e di innovazione, che stimolino e ottengano nell'immediato un trasferimento di risorse dai settori protetti direttamente alle tasche dei consumatori (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico). Se ne avessimo avuto la possibilità, avremmo voluto discutere di questo, e darvi nel dettaglio forse anche qualche idea. Invece voi avete tirato dritto. Non siete andati a dare una risposta a questa crisi che evocate: voi, sostanzialmente, siete andati dove vi porta il cuore ! Voi credete - e per l'amor di Dio è un'opinione - che si possa stimolare l'economia e gli attori economici abbassando l'asticella delle regole e mettendo tutto questo sotto il titolo « semplificazione», che è un bellissimo titolo, ma che spesso nasconde «deregolazione » (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).Voi pensate che al popolo, alla gente bisogna rivolgersi direttamente, senza intermediari imbarazzanti, con delle misure compassionevoli e bisogna rivolgersi più all'immaginazione che al portafoglio, perché tanto poi il popolo segue. Voi pensate che con i settori protetti e i poteri forti occorre avere un compromesso corporativo, mettersi al tavolo a discutere e vedere il do ut des; pensate che i tagli alla spesa si possano fare senza riforme, o con riforme occulte, mascherate, non dichiarate. Questa è una vostra antica ispirazione; potrei portarvi mille esempi (lo hanno già fatto i miei colleghi dell'opposizione). Voi siete venuti meno ad una promessa che avete fatto in campagna elettorale tutti i giorni: abbassare le aliquote. Non l'avete mantenuta e - Borghesi lo ricordava - con una serie di micromisure avete detto: va' beh, ma fattela da te, la riduzione fiscale, guarda in faccia il tuo commercialista! Ma se questo ci porterà meno entrate fiscali al netto della congiuntura, sarà una responsabilità gravissima per voi! E anche per quanto riguarda i messaggi alla povera gente, come dicevo prima, i ceti deboli dovrebbero accontentarsi di vedere Robin Hood che volteggia tra i rami, senza prendere in tasca un euro, e i poveracci dovrebbero accontentarsi della carta dei poveri. E qui, signor Ministro, lei accusa la sinistra di snobismo. No, signor Ministro. Quei soldi lì - o altri ancora, spero - dateli loro in posta con un aumento delle pensioni, date loro la quindicesima (Applausi dei deputati dei gruppiPartito Democratico e Italia dei Valori) e lasciatela fare a noi la sinistra, che voi avete tanto da fare, lasciatela fare a noi la sinistra! Lo so anch'io che questa è una misura americana - è presente in America, non siamo mica provinciali - così come era presente in America quella misura che consentiva di ipotecare la casa per mangiarsi la pizza e che voi, nel 2002, avevate pensato di introdurre (Applausi dei deputati dei gruppi Partito Democratico e Italia dei Valori)! Ma perché, invece di queste tutte queste cose, una volta o l'altra, dall'America non ci portate le leggi sull'evasione fiscale (Applausi dei deputati dei gruppi Partito Democratico e Italia dei Valori), le leggi sui conflitti di interesse ! Portateci un po' di questa roba, invece che sempre queste cose. Quanto ai settori protetti - assicurazioni, banche, imprese del genere, concessionarie di ogni genere - il punto è questo: voi non li avete messi faccia a faccia con il consumatore, li avete messi a tu per tu con il Governo. Questo è il punto fondamentale che ci divide. Siamo arrivati a vedere l'ENI fare l'elemosina al fisco! Ma quante telefonate avete fatto ? Una, due, tre? Suvvia! Come abbiamo visto, le assicurazioni sono al tavolo del Ministro Scajola. Mi immagino che gli chiedano di tornare indietro rispetto alle norme che avevo predisposto io, non posso immaginare altro esito di quei tavoli. Con le banche non si parla più di massimo scoperto; avete introdotto un accordo sui mutui che è regressivo rispetto a norme precedenti; con i petrolieri, cercate di azzerare l'Autorità; con le concessionarie, non parliamone, rinnovate concessioni ad occhi chiusi, altro che l'1,7 per cento di inflazione programmata che volete. Tutto questo in cambio di un po' di soldi, ma questi soldi se li riprenderanno con molta facilità. Quanto ai tagli, come dicevo, si tratta di tagli senza riforme o con riforme occulte e inespresse e i tagli fatti così sono spese che buttate fuori dalla porta e vi rientrano dalla finestra, tagli sulla sicurezza senza un'idea di riorganizzazione delle forze dell'ordine, tagli micidiali su scuole e università, senza dire come e dove ! Ad esempio, per quanto riguarda i 100 mila insegnanti, ci volete dire quale pezzo del sistema smontate (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico) ? Ditecelo, per favore ! Per quanto riguarda gli enti locali, voglio rivolgermi alla Lega Nord Padania: non è che voi pensate davvero che il nord, dopo quel che sta vedendo (enti locali, tagli, eccetera), si accontenti di un insulto all'inno! Vorrà qualcosa di più concreto di quello che non sta arrivando adesso (Applausi dei deputati dei gruppi Partito Democratico e Italia dei Valori). Vorrà qualcosa di più concreto, anche questo benedetto nord! Non parliamo del Mezzogiorno: da quando si è aperta la legislatura, il Mezzogiorno ha preso solo bombardamenti ! Non ho visto nulla di positivo, di concreto, un'idea nuova, un intervento nuovo. PRESIDENTE. La prego di concludere. PIER LUIGI BERSANI. Ho concluso, signor Presidente. Quanto ai fannulloni, il problema esiste, naturalmente, ma nessuno penserebbe di farne la base di una politica economica. Qui sta invalendo l'idea curiosa che lo sviluppo economico tocchi ai Ministri Brunetta e Calderoli. Con tutta la stima, credo che sia un  compito impari rispetto alle competenze di questi due Ministeri (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico) ! Si tratta quindi - e chiudo - di una manovra depressiva dei consumi, degli investimenti, dei servizi di welfare; e di una manovra anche non trasparente: c'è questo piccolo particolare del fabbisogno. Voi non ci avete dato risposta: venti miliardi in più previsti al secondo semestre. Ce la darete, una risposta. Crolleranno le entrate al netto della congiuntura ? Ne risponderete. PRESIDENTE. La invito a concludere. PIER LUIGI BERSANI. Non sarete in grado di controllare la spesa ? Ne risponderete. Sbucherà un tesoretto? Dovrete spiegarci come mai è tutto urgente, tranne che dare due soldi alla gente che oggi ne ha bisogno (Applausi dei deputati dei gruppi Partito Democratico e Italia dei Valori). Questo dovrete spiegarlo! La fiducia naturalmente noi ve la neghiamo. PRESIDENTE. Concluda. PIER LUIGI BERSANI. Questa è una specie di bomba a frammentazione, quando se ne vedranno gli effetti... PRESIDENTE. Concluda, onorevole Bersani. PIER LUIGI BERSANI. ...credo che anche quelli che voteranno la fiducia adesso se ne pentiranno un po' (Applausi dei deputati dei gruppi Partito Democratico, Italia dei Valori e di deputati del gruppo Unione di Centro).





Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'pensioni' »

TAGCLOUD
pensioni salute terzo settore Bersani decreto sanità attività parlamentare donne elezioni emilia-romagna legge di stabilità università parità di genere festa. unità legge di stabiità welfare affari sociali esodati bologna sanità


AGENDA
07 agosto 2017
Casalecchio Festa Unit Piazza del Popolo: Donne e lavoro: violenze da fermare e diritti da acquisire
02 agosto 2017
Anniversario della strage alla Stazione di Bologna
13 luglio 2017
Testamento Biologico: perch una legge sul fine vita.

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl