»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Tutti i bambini sono uguali e hanno uguali diritti. Firma l'appello
07 luglio 2008

 

Ecco il testo dell'appello del Pd e della Consulta per l'infanzia Gianni Rodari per revocare l'ordinanza sulle impronte
per firmare scrivi a
info@donatalenzi.it  bologna.org">culturaeinfanzia@pdbologna.org

Nessun bambino è straniero
No alle impronte digitali dei piccoli rom


Il Partito Democratico e la Consulta per l'Infanzia e l'adolescenza Gianni Rodari di Bologna chiedono, al Presidente del Consiglio dei Ministri di revocare l'ordinanza che prevede l'identificazione e il censimento dei bambini e delle bambine presenti nei campi nomadi attraverso la rilevazione delle impronte digitali.

Come affermato dalla Convenzione ONU per i diritti del fanciullo dell'89 e dalla Carta di Nizza, i diritti di tutti i bambini devono essere fondati sulla base della loro presenza in un paese, indipendentemente dalla loro origine.

Il provvedimento ordinato dal Ministro Maroni viola ogni diritto di uguaglianza dei bambini e degli adolescenti e introduce una grave discriminazione basata unicamente sull'etnia e l'identità culturale. E' un censimento realizzato su base razziale, né può far riferimento alle norme dell'Unione Europea per l'ingresso degli extracomunitari, visto che quella Rom è una delle principali minoranze etniche dell'Unione Europea e gran parte sono cittadini comunitari.

E' un atto culturalmente e socialmente grave ed è una misura del tutto inutile per garantire la sicurezza. Tutti i bambini hanno diritto ad una famiglia che li ami, ad una scuola in grado di dar loro educazione e formazione alla vita ed al lavoro.

Non è possibile giustificare l'azione del Governo con l'intento di proteggere i minori da episodi di sfruttamento: la cura dell'infanzia nel nostro Paese, in ogni comune, provincia o regione, deve essere congiunta ad un'attenta e concreta cura dell'infanzia che non ha cittadinanza.
Esistono, in alcune regioni e città italiane, buone prassi per tutelare i bambini e gli adolescenti vittime dello sfruttamento, ma sono sprovviste di un sicuro quadro di riferimento legislativo.

Ci uniamo quindi all'appello dell'Unicef, del Ponteficio Consigilio dei migranti e del Consiglio d'Europa affinchè venga rimossa l'ordinanza e chiediamo che:


  • sia istituito un fondo specifico con risorse aggiuntive e promosso un coordinamento interistituzionale nazionale che definisca i compiti e gli indirizzi delle diverse articolazioni dello Stato e delle relative amministrazioni per favorire l'integrazione sociale e scolastica dei minori stranieri;

  • vengano sviluppati rapporti di cooperazione e stipulati accordi specifici con quei Paesi, a partire dalla Romania, che hanno fatto il loro ingresso nella Comunità Europea, al fine di offrire maggiore tutela ai diritti delle bambine e dei bambini e degli adolescenti;

  • venga previsto un Piano Nazionale di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati.







Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'bologna' »

TAGCLOUD
primarie sanità parità di genere terzo settore esodati welfare elezioni emilia-romagna pensioni decreto sanità Bersani attività parlamentare università legge di stabilità donne bologna festa. unità salute legge di stabiità


AGENDA
10 luglio 2017
Festa Unit San Lazzaro di Savena. Iniziativa sul biotestamento
07 luglio 2017
Festa Unit di Casalfiumanese. Testamento biologico: consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento
06 luglio 2017
UNA LEGGE SUL FINE VITA con Mina Welby. EMPOLI, Festa Unit PD, Circolo ARCI Ponte a Elsa, Via Livornese 325

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl