»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


La manovra e le minacce dell'Europa. Patrimonio e Pensioni. COSA PROPONE IL PD
08 dicembre 2011

 

Questo è un aggiornamento in diretta da Roma, dove sono a lavorare ai testi delle modifiche che il PD proporrà al tavolo di trattativa con il governo. La manovra nasce in clima di necessità e sotto forti pressioni internazionali. Siamo ad un quasi commissariamento da parte della comunità europea, Germania in testa.

Abbiamo detto che la manovra ha aspetti di iniquità, su due punti: chi è colpito troppo e chi troppo poco. 

Noi cosa stiamo proponendo? 


Pensioni. 1) nel testo sono rivalutate al costo della vita solo le pensioni sotto i 960 euro. Come avrete letto sui giornali, in commissione lavoro della Camera c’è stato un accordo per portare la quota a 1400 euro. Stiamo discutendo di come trovare il miliardo per due anni, che serve a copertura per non dover cambiare i saldi della manovra.

2) gradualità nell’applicazione. Ricordiamoci che Berlusconi Sacconi Maroni ecc. hanno già aumentato di cinque anni di botto la pensione di vecchiaia delle donne nel pubblico impiego, di cinque ma con gradualità per le donne nel privato e di due anni per gli uomini per maturare la pensione di vecchiaia. Adesso la Fornero agisce con un drastico innalzamento e la sostanziale abrogazione della pensione di anzianità. Noi stiamo lavorando a ipotesi che permettano di graduare diversamente, in modo da non stravolgere la vita di tanti. Aggiungo poi che va tolta la penalizzazione per chi matura i quarantadue anni di contributi e vuole andare in pensione.

3) contributivo per tutti. Ok, ormai è certo e vale giustamente anche per i parlamentari, ma sono esclusi coloro che lavorano nelle istituzioni dotate di particolare autonomia come la Corte costituzionale, il Cnel, la Banca d’Italia e anche i dipendenti di Camera e Senato. Così non va: o sistema contributivo o ulteriore contributo straordinario.


Patrimonio. La tassa sul patrimonio così come proposta dal Pd (e non solo dal Pd) non c’è. La ragione è semplice, il veto della Pdl. Però dentro gli undici miliardi di entrata attesa dall’Ici (ora Imu) la prima casa ne vale 3,8. Il resto è tassazione su seconde e terze case. A questo va aggiunto la cosiddetta mini-patrimoniale sui titoli che vale due miliari annui e altri 400 milioni dalla tassa sul lusso. Se tenete presente che la manovra la deve votare anche Berlusconi vi renderete conto che un cambiamento comunque è stato messo in campo.

La nostra proposta prevede ovviamente l’aumento dell’aliquota sui capitali scudati, almeno il cinque per cento, e un intervento Irpef sulle seconde case non affittate che permetterebbe di ottenere il miliardo necessario a far salire la soglia di esenzione della prima casa.  









Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'donne' »

TAGCLOUD
emilia-romagna Bersani decreto sanità bologna legge di stabilità attività parlamentare università sanità parità di genere terzo settore primarie festa. unità donne salute legge di stabiità welfare elezioni pensioni esodati


AGENDA
16 giugno 2017
Brescia. Convegno "Salute e autodeterminazione: la nuova disciplina."
13 giugno 2017
Bologna: Aula Magna Istituti Ortopedici Rizzoli. Convegno "Legge 8 marzo 2017 n.24: fra sicurezza e responsabilit"
09 giugno 2017
Festa dell'Unit di Carteria di Sesto, Bologna. Testamento Biologico, libere e liberi di scegliere.

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl