»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Problemi globali e politica locale
18 ottobre 2011

 
  La notizia dell ultima ora e' che abbiamo perso in Molise per 1500 voti. I Grillini ne hanno presi 10.000 e l Udc era con la destra. Attenzione ...
Il 22 mattina intervengo al Convegno della Fondazione Imbeni dal titolo "Fare politica ai tempi della crisi" alle 10,30 al Baraccano il 28 sera sarò a Camugnano.
Quella passata è stata una settimana decisiva conclusasi purtroppo nel sangue. Il voto di fiducia è arrivata dopo una dura battaglia parlamentare, quando le opposizioni quasi del tutto unite hanno saputo cogliere il momento. Nonostante la voluta svalutazione, cadere sul rendiconto è fatto grave, è un segno ulteriore che la maggioranza sta in piedi a prezzo di contrattazioni continue. Ma il mercato non attende. (vedi l'articolo di Monti). La strada indicata da Franceschini è corretta: logorare ai fianchi. "Non lasciamo che  la finanza, che ha provocato la crisi che stiamo vivendo, ci detti le soluzioni e ci spieghi che il welfare è un lusso e non ce lo possiamo più permettere." vi sembrano parole rivoluzionarie vero? Sono le parole che ha detto il Presidente nazionale delle Acli Olivero, persona moderatissima, a un incontro che aveva per oggetto la delega al governo di riforma del fisco e dell'assistenza. (La delega è un argomento importante, praticamente una bomba ad orologeria del valore di venti miliardi e ve ne parlerò diffusamente in seguito) Quella frase  mi serve per alcune considerazioni:
La consapevolezza della dimensione globale dei problemi è diffusa, è ormai senso comune. È in aumento la consapevolezza che alla dimensione globale si aggiunge una profonda ingiustizia sociale. E' in atto una reazione, un movimento diffuso in più paesi che chiede giustizia. Un altro movimento  qualche mese fa ha portato al cambiamento in alcuni paesi arabi. Diversi gli obiettivi e gli attori ma in comune c'è il tradimento di futuro di una generazione, in comune c'è il superamento delle frontiere e della disinformazione grazie alla tecnologia.
Di fronte a questi movimenti tellurici, la politica tradizionale fa fatica e questo aumenta il rischio che la protesta sfoci nella violenza o nella presa di potere di frange estreme o favorisca l'affermazione di destre populiste o integraliste. Non  mi riferisco che in parte a quanto è accaduto a Roma dove una manifestazione pacifica è stata usata per dar vita a una esplosione di violenza organizzata a e antisistema. La politica latita per oggettive difficoltà. La politica  di oggi non può che cercare ed offrire risposte ai problemi di oggi: la regolazione della finanza, la tutela dei beni comuni (quali?) come beni fuori dalla logica del mercato, la mancanza di lavoro e la competizione per il lavoro (tra persone, tra comunità, tra stati), la tutela dell'ambiente e infine la tensione verso la giustizia. E' l'agenda di una politica di sinistra. Il tutto mentre la crisi, che c'è, riduce le risorse. Niente di tutto ciò può essere affrontato solo su dimensione nazionale, abbiamo bisogno quindi di costruire nuove reti di relazioni internazionali per condividere idee e sostenere proposte che solo unitariamente saremmo in grado di affermare.
Eppure non ricordo altri tempi in cui la politica italiana si è così rinchiusa nei suoi confini. Il dibattito così asfittico, le priorità così localistiche. Il parlamento passa dalla discussione dell'ennesima manovra, dove le autorità estere sono usate solo per scaricare responsabilità di decisioni dolorose, alle discussioni sulle intercettazioni. I media  spingono al pettegolezzo, allo scandaletto quotidiano, si eccitano con la lite da comari. Eppure la gente è  consapevole che c'è un mondo oltre i ristretti confini della politica italiana. Il Pd nei suoi momenti di studio e nelle relazioni costruite almeno a livello europeo negli anni ha mantenuto uno sguardo di insieme. (Ci sarà ad esempio la prossima settimana un seminario sul G20 dei dipartimenti economia e esteri.) Non riusciamo però a farne politica, cioè messaggio, cultura, proposta concreta. Eppure nei giorni drammatici che stiamo vivendo noi abbiamo il dovere di parlare delle nostre proposte economiche, di mercato del lavoro, di finanza e di redistribuzione con lo sguardo rivolto al futuro e troveremo ascolto. Leggo invece sui giornali che discutiamo di primarie una settimana si e una no, vedo i radicali rompere perchè nelle loro abitudini c'è che a sei mesi dalle elezioni si rompe per cercare visibilità e chi se frega se non è il momento, riparte la discussione sulle alleanze totalmente avulsa dalle esperienze che intanto avvengono sul territorio (come va Pisapia con Tabacci ? Bene sembrerebbe) e naturalmente sulla legge elettorale. Tutte cose importanti  se servono ad aprire le porte, se no consolanti fughe nelle beghe condominiali. Avevo chiuso la precedente newsletter  con un segno di attenzione verso i movimenti all'interno del Pd "generazionali". Domenica si è svolta la prima convention a l'Aquila le notizie sono positive. A questo si riferisce la seconda news con articolo di Fassina. Sabato e domenica si replica a Bologna. Il programma sul sito http://www.prossimaitalia.it/







Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'primarie' »

TAGCLOUD
affari sociali festa. unità parità di genere attività parlamentare legge di stabiità Bersani università salute welfare sanità donne decreto sanità pensioni legge di stabilità elezioni esodati emilia-romagna terzo settore bologna


AGENDA
07 agosto 2017
Casalecchio Festa Unit Piazza del Popolo: Donne e lavoro: violenze da fermare e diritti da acquisire
02 agosto 2017
Anniversario della strage alla Stazione di Bologna
13 luglio 2017
Testamento Biologico: perch una legge sul fine vita.

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl