»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Biotestamento e altro ancora
08 luglio 2011

 
Lunedì 11 è una giornata piena alle 9,30 sono in Comune con altri parlamentari per incontrare il sindaco Merola sulla situazione del bilancio comunale, alle 11 con Rita Ghedini in visita al carcere La Dozza con la commissione sui diritti umani e alle 17, 30 in Provincia con Ghedini e Zampa per incontrare le associazioni dei disabili, forse le persone più penalizzate da questo governo. Martedì salvo votazioni a Sarzana (La spezia) e sabato prossimo a Tignano di Sasso Marconi.
Mentre scrivo la borsa italiana sta perdendo 3 punti e i mercati sono in fibrillazione. E' la conseguenza anche delle ombre su Tremonti e il conflitto fra bande in atto nel Governo.Tutto può accadere.
Non so come la pensi ciascuno di voi sul tema delicato del biotestamento. So bene  però con quanta serietà e impegno ci siamo confrontati tra di noi per comprendere le reciproche ragioni e posso testimoniare quanto due anni di confronto con i colleghi del gruppo Pd della commissione affari sociali della Camera sia stata una occasione di crescita personale e di riflessione.
Quello che sta capitando, nel silenzio, in aula alla Camera è però incredibile. In pratica le modifiche apportate fanno si che le dat potranno essere prese in considerazione solo se sei moribondo "assenza di attività cerebrale integrativa cortico-sottocorticale", e solo per escludere interventi sperimentali o sproporzionati ( per altro sarebbero già preclusi dalle norrmative in vigore e le sperimentazioni già ora richiedono particolari autorizzazioni) e per finire avrebbero solo valore  orientativo. Si abbia il coraggio di dire che non le si vuole, piuttosto che prenderci  in giro. Bersani è intervenuto in aula e ha invocato un poco di umanità. Spero ancora che  martedì prossimo quando la discussione riprende si riesca a ragionare ...
Vi riporto il testo dell art.3 le parti sottolineate sono già state approvate dall'aula, il resto (comma 5 e 6) come sarebbero se accolti gli emendamenti della maggioranza.
    Art. 3.

                     (Contenuti e limiti della dichiarazione anticipata di trattamento).


  1. Nella dichiarazione anticipata di trattamento il dichiarante, in stato di piena capacità di intendere e di volere e di compiuta informazione medico-clinica, con riguardo ad un'eventuale futura perdita permanente della propria capacità di intendere e di volere, esprime orientamenti e informazioni utili per il medico, circa l'attivazione di trattamenti terapeutici purché in conformità a quanto prescritto dalla presente legge. (emendamento Barani 3.2020 riformulato)

  1. Abrogato. (emendamento Barani 3.2020 riformulato)

  1. Nella dichiarazione anticipata di trattamento può (anche) essere esplicitata la rinuncia da parte del soggetto ad ogni o ad alcune forme particolari di trattamenti sanitari in quanto di carattere sproporzionato o sperimentale.  (Emendamento Polledri 3.2050 soppressione parola anche)

  1. Nella dichiarazione anticipata di trattamento il soggetto non può inserire indicazioni che integrino le fattispecie di cui agli articoli 575, 579 e 580 del codice penale. (Non modificato).

  1. Anche nel rispetto della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, fatta a New York il 13 dicembre 2006, alimentazione e idratazione, nelle diverse forme in cui la scienza e la tecnica possono fornirle al paziente, devono essere mantenute fino al termine della vita, ad eccezione del caso in cui le medesime risultino non più efficaci nel fornire al paziente in fase terminale i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche essenziali del corpo. Esse non possono formare oggetto di dichiarazione anticipata di trattamento. (Emendamento Castellani 3.2022).

  1. La dichiarazione anticipata di trattamento assume rilievo nel momento in cui il soggetto si trovi nell'incapacità permanente di comprendere le informazioni circa il trattamento sanitario e le sue conseguenze per accertata assenza di attività cerebrale integrativa cortico-sottocorticale e, pertanto, non può assumere decisioni che lo riguardano. Tale accertamento è certificato da un collegio medico formato, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, da un anestesista-rianimatore, da un neurologo, dal medico curante e dal medico specialista nella patologia da cui è affetto il paziente. Tali medici, ad eccezione del medico curante, sono designati dalla direzione sanitaria della struttura di ricovero o, ove necessario, dalla azienda sanitaria locale di competenza.  (3. 3001. La Commissione.










Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'Bersani' »

TAGCLOUD
welfare attività parlamentare donne elezioni Bersani esodati emilia-romagna legge di stabilità affari sociali salute sanità terzo settore bologna festa. unità legge di stabiità parità di genere pensioni università decreto sanità


AGENDA
16 ottobre 2017
PIU' DIRITTI PER UNA SOCIETA' PIU' GIUSTA
14 ottobre 2017
Testamento biologico. BOLOGNA
07 ottobre 2017
Fine vita. IVREA (TO)

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl