»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Assemblea di Roma 5 febbraio 2011: sanitŕ e politiche sociali
12 febbraio 2011

 
Appuntamenti: domenica alle 15 parte  da Piazza XX  settembre a Bologna  il corteo della manifestazione delle donne sull'onda dell'appello "se non ora quando". Ci sarò e spero di incontrare di nuovo le donne e gli uomini che hanno partecipato all'iniziativa organizzata  per lunedì scorso di lettura continua, iniziativa che è andata particolarmente bene. Lunedì alle 15 all'hotel Savoia di Bologna i parlamentari presentano al pubblico le proposte del Pd  per il fisco approvate a Varese in ottobre, presentate in aula alla Camera con una mozione e votate il 22 dicembre. La nostra proposta si chiama : "Fisco 20, 20, 20". L'aliquota del 20% è l'aliquota di riferimento per la tassazione di tutti i redditi. La patrimoniale non c'è.
La settimana dal 21 al 26 si svolgerà a Bologna "Manifutura"  il convegno annuale dell'associazione Nens, sarà sulle imprese "l'Italia nel cuore industriale d'Europa" qui il programma http://www.nens.it/_public-file/PROGRAMMA.pdf Bersani e Prodi il 26.
Ho partecipato alla stesura di due documenti approvati poi all'Assemblea nazionale di Roma della settimana scorsa : quello sulla salute e quello sulle politiche sociali, li trovate a lato.

E' la terza assemblea programmatica nella quale si applica il "metodo socratico alla Bersani" e cioè basta guardarsi l'ombelico si discute e si trova una quadra sui contenuti. Adesso questo confronto va portato nei circoli.
Salute: l'attenzione si è concentrata sulla necessità di omogenizzare la qualità della sanità in Italia. La sanità non ha bisogno di tagli, perché la spesa italiana per la salute resta tra le più basse tra i Paesi europei con noi confrontabili (Germania, Francia, Gran Bretagna). Ha invece bisogno, per rendere sostenibile il sistema, di essere ben governata e ben gestita in un quadro di finanziamenti certi e compatibili con i bisogni reali di assistenza dei cittadini.
Non è accettabile che metà paese circa abbia una sanità pubblica in gravi difficoltà e l'altra metà stia bene e sia ai vertici delle graduatorie mondiali.  Revisione delle modalità di commissariamento, legalità, nomine trasparenti gli impegni presi anche con una onesta critica del passato.
Al centro la salute come un obiettivo da conseguire in tutte le politiche, e quindi l'attenzione alla prevenzione sui luoghi di lavoro e le campagne per l'adozione di  stili di vita sani, la salute delle donne e lo sviluppo di interventi per gli anziani non autosufficienti.
Ed è in questo quadro e con queste premesse che pensiamo possa svilupparsi anche un' opportuna collaborazione con il privato e con il "Terzo settore" nei diversi ambiti di intervento della sanità, valorizzando energie, risorse e competenze del mondo imprenditoriale e della società civile in una compiuta logica di sussidiarietà.
Politiche sociali, famiglie, persone.  Questo documento è più lungo e più innovativo perché il tema della mancanza di risorse finanziarie a fronte di un notevole aumento di problemi sociali e la storica mancanza di una rete efficace e diffusa di servizi sociali, richiede grandi interventi di riforma. Abbiamo fatto uno sforzo per una visione organica che tenga insieme interventi di politica fiscale già previsti nel documento sul fisco (la dote per i figli, la riforma degli assegni familiari, gli incentivi alle assunzioni dei giovani...) con interventi a sostegno di una rete di servizi pubblici e privati, con la previsione del ricorso al buono servizi nei settori quali i servizi agli anziani e gli asili nido. Si è volutamente superata la semplice "elencazione delle sfighe" a cui spesso tendiamo e ragionato invece per grandi classi di età (bambini, giovani, anziani) e tenendo al centro le comunità di affetti familiari, che vanno sostenute e sulle quali si scarica tutto il lavoro di cura.

L'insieme degli interventi di riforma che abbiamo indicato aprirebbe una nuova fase nello sviluppo economico e sociale del paese, una fase proiettata verso la costruzione di un "welfare dello sviluppo umano": un nuovo passaggio nella costruzione di una società ispirata all'ideale civico "liberté, égalité, fraternité", un passaggio centrato sull'autodeterminazione dei cittadini in un contesto di relazioni umanamente "ricche". Per questo abbiamo sottolineato come al centro del nuovo welfare vi debba essere la persona come soggetto di diritti e di doveri, ossia come cittadino inserito in una rete di relazioni sociali e di responsabilità individuali e collettive. Per questo abbiamo rivendicato il ruolo decisivo dell'intervento pubblico in un rapporto di interazione positiva con le energie della società civile e come organizzatore e regolatore di meccanismi di mercato che includano tutti i cittadini. In sintesi, la nostra è una visione radicalmente diversa da quella teorizzata dal governo di destra: non la ritirata dello stato, sperando nella supplenza contrattuale delle categorie forti e nella compassionevole carità del dono per gli "ultimi"; ma uno stato che sia programmatore e regolatore forte di un complesso di prestazioni cui tutti hanno diritto ad accedere e che promuova una imprenditorialità diffusa nei soggetti di offerta pubblici, privati, non profit in funzione dei bisogni dei cittadini.






Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'Bersani' »

TAGCLOUD
legge di stabiitĂ  festa. unitĂ  decreto sanitĂ  Bersani donne salute sanitĂ  bologna attivitĂ  parlamentare welfare emilia-romagna esodati pensioni elezioni paritĂ  di genere affari sociali legge di stabilitĂ  universitĂ  terzo settore


AGENDA
07 agosto 2017
Casalecchio Festa Unitŕ Piazza del Popolo: Donne e lavoro: violenze da fermare e diritti da acquisire
02 agosto 2017
Anniversario della strage alla Stazione di Bologna
13 luglio 2017
Testamento Biologico: perché una legge sul fine vita.

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright © Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl