»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Riforme istituzionali. Dubbi e scetticismo
13 aprile 2010

 
Ricordo a tutti che sul sito www.deputatipd.it ci si può iscrivere alla newsletter settimanale del gruppo o al gruppo su Facebook.
Il giorno 15 sarà a Bologna il presidente Scalfaro grazie all'impegno dell'Istituto De Gasperi (a lato il volantino). È una occasione per riparlare di Costituzione nel momento in cui riprende la telenovela delle riforme istituzionali. Così come le ha presentate Berlusconi, condite da attacchi al Presidente della repubblica e alla Corte costituzionale  mi sembra un annuncio da "sfida finale" per definitivamente affondare il principio cardine della separazione dei poteri  ed arrivare invece, in nome di una democrazia populista, alla netta prevalenza dell'esecutivo su tutti.
Quando la riforma arriva in aula, non possiamo che confrontarci,  articolando in termini aggiornati e chiari  la vecchia proposta Violante. Su un paio di cose (senato federale e riduzione del numero dei parlamentari) si è d'accordo. Ma ... Non è possibile procedere a nulla senza una riforma elettorale che ridia dignità ai parlamentari grazie ad una scelta diretta dell'elettore e non si può accettare una riduzione del ruolo del Parlamento a mere funzioni di controllo. Non è possibile immaginare e nemmeno  consentire  un sistema dove non ci siano pesi e contrappesi e tutto il potere vada ad un uomo solo.
In poche parole non ci sono le condizioni per un ragionamento responsabile e sereno anzi temo una rimessa in discussione anche della prima parte della Costituzione. Purtroppo questi anni hanno visto affermarsi una costituzione materiale, fatta di prassi, che ha già via via distrutto o modificato gli equilibri. Penso alle ordinanze che derogano leggi, alla fiducia sui decreti, alla riduzione dei poteri di controllo della Corte dei conti, alla modalità di elezione del Parlamento, alla costituzione di società pubbliche sottratte al controllo etc...  
Aggiungo che venti anni di discussione sulle riforme istituzionali mentre il paese declina hanno stancato molti, me compresa.

Ho letto molti commenti sui risultati elettorali, come molti di voi. Vi segnalo solo quello di Nadia Urbinati sull'Unità, parla di noi emiliano romagnoli e parla del Pd. Dice "dietro il linguaggio ci deve essere un ordine del discorso. Devi prima sapere cosa vuoi poi dire cosa pensi. Farlo in modo chiaro. Parole semplici e narrativa ricca."  A lato il testo completo.






Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'bologna' »

TAGCLOUD
legge di stabiità legge di stabilità sanità esodati decreto sanità affari sociali attività parlamentare Bersani festa. unità terzo settore elezioni università bologna salute donne emilia-romagna pensioni parità di genere welfare


AGENDA
16 ottobre 2017
PIU' DIRITTI PER UNA SOCIETA' PIU' GIUSTA
14 ottobre 2017
Testamento biologico. BOLOGNA
07 ottobre 2017
Fine vita. IVREA (TO)

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl