»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Intervento Lenzi sulla pensione dei medici
06 febbraio 2010

  Intervento in aula il 27 gennaio 2010

L'art. 23 del 1441 quater prevede che i medici hanno raggiunto i 65 anni di età e i quaranta di contributi di servizio possono decidere di rimanere in servizio fino ai 70, il parere dell'azienda sanitaria non occorre. Questo il mio intervento a favore dell'abrogazione dell'articolo.

DONATA LENZI. Signor Presidente, noi proponiamo l'abrogazione di questo articolo, introdotto di sorpresa al Senato, perché è un intervento riformatore sul tema delle pensioni che riguarda solo una parte di una categoria,e che è disorganico rispetto all'impianto complessivo del nostro sistema pensionistico, in particolare per la pubblica amministrazione. Il relatore Cazzola ha ricordato alcuni passaggi, che l'articolo si giustifica con il voler pareggiare i conti con i medici - professori universitari. A parte il fatto che nella discussione di oggi è cominciato a venir fuori che per gli universitari si va ancora più avanti, a settantacinque anni, quindi mi sa che i conti non li pareggeremo mai, si apre un'altra discriminazione altrettanto grave, quella con i medici ricercatori universitari, ai quali non si applica quanto previsto dall'articolo 23. Si dà vita ad una situazione schizofrenica. Non sono d'accordo con l'interpretazione data dal relatore: il comma del 112, che riguardava la «rottamazione di imperio» dei medici dell'azienda sanitaria, a fronte di una contribuzione figurativa di quarant'anni, rimane in vigore anche per quest'anno ed il successivo, perché non ne è prevista l'abrogazione. Nel contempo, in modo appunto schizofrenico, si stabilisce che altri medici colleghi dei primi possono rimanere in servizio fino ai settanta anni solo se, diversamente da tutto il resto della pubblica amministrazione, si sono maturati quarant'anni di servizio effettivo, senza tenere in alcun conto il parere della pubblica amministrazione, in questo caso della ASL.
Vorrei leggervi brevemente cosa dice l'articolo che andiamo ad abrogare solo per il sistema sanitario, non per il resto della pubblica amministrazione: si può prolungare la permanenza rimanendo in servizio fino ai sessantasette anni indipendentemente dai contributi, ma in tal caso è data "facoltà all'amministrazione, in base alle proprie esigenze organizzative funzionali, di accogliere la richiesta in relazione alla particolare esperienza professionale acquisita dal richiedente e in funzione dell'efficiente andamento dei servizi". Questo viene tolto.
Dunque, mi rivolgo al Ministro Brunetta e gli chiedo di spiegarmi perché il merito e l'efficienza si fermano sulla soglia del sistema sanitario, perché tutto il resto della pubblica amministrazione può esprimere una valutazione, mentre in questo caso non si può fare. Noi siamo per la flessibilità dell'età pensionabile in uscita soprattutto per le categorie professionali come quelle di cui stiamo parlando, ma con questa norma noi teniamo in egual conto il genio e il pigro, quello che non ha voglia di fare niente e quello che lavora sessanta ore a settimana. In questo caso, non danneggiamo solo i giovani, ma i quarantenni. Chiediamo ai quarantenni medici, che reggono il servizio sanitario, di avere attenzione alla valutazione e al merito e disponibilità di orario. Li leghiamo a contratti deboli e gli chiediamo molta pazienza. Anche questo articolo, come gli altri, penalizza i giovani e premia gli anziani (Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).






Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'pensioni' »

TAGCLOUD
salute decreto sanità emilia-romagna attività parlamentare sanità pensioni legge di stabiità primarie festa. unità esodati donne università elezioni terzo settore bologna Bersani parità di genere welfare legge di stabilità


AGENDA
10 luglio 2017
Festa Unit San Lazzaro di Savena. Iniziativa sul biotestamento
07 luglio 2017
Festa Unit di Casalfiumanese. Testamento biologico: consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento
06 luglio 2017
UNA LEGGE SUL FINE VITA con Mina Welby. EMPOLI, Festa Unit PD, Circolo ARCI Ponte a Elsa, Via Livornese 325

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl