»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Del doman non c'č certezza
27 luglio 2009

 
Il decreto legge n.78, adottato dal Consiglio dei Ministri lo scorso primo luglio, è il settimo decreto legge in un anno in materia economico-finanziaria e (includendo anche quello in materia di banche) il quarto cosiddetto "anticrisi". Quindi la crisi c'è!
E anche il ventitreesimo decreto in un anno, siamo di fronte ad un modo di governare che evita volutamente il confronto con il parlamento.
A fianco trovate l'intervento dell' on Giovanni Lolli, parlamentare abruzzese, sulle tasse sui terremotati, il vero scandalo di questo decreto e l'intervento in aula di Bersani che attacca duramente il Governo e Tremonti.

Io vi parlo solo di pensioni.
C'è infatti la riforma per decreto della pensione di uomini e donne.
"A decorrere dal 10 gennaio 2015 i requisiti di età anagrafica per l'accesso al sistema pensionistico italiano sono adeguati all'incremento della speranza di vita accertato dall'Istituto nazionale di statistica e validato dall'Eurostat, con riferimento al quinquennio precedente."  Art 22 ter.  I media vi hanno detto che si discuteva di innalzamento dell'età pensionistica per le donne del pubblico impiego? Era solo un anticipo. La vera riforma sta lì nell'emendamento 22.013 del governo al decreto 78 del 2009 in discussione (si fa per dire, in realtà maggioranza e Governo tacciono tetragoni, inamovibili, attendono la fiducia). In futuro basterà un regolamento del ministro, dati statistici alla mano. Nessuna trattativa sindacale, nessuna legge. Da oggi non sai più a che età potrai andare in pensione, non conta la tua volontà, la tua salute, il tipo di lavoro che fai. Vale per tutti uomini e donne, lavoratori autonomi e dipendenti, pubblici e privati, pensioni di anzianità o di vecchiaia. Sono certa che le forme di previdenza private si adegueranno in fretta. Non conta se hai la schiena che fa male, se non ce la fai a guidare nel traffico, se lavori dieci o sei ore, se non ne puoi più o continueresti ancora.
Se la vita si allunga sappiamo tutti che si deve lavorare di più, ma così non c'è certezza, non c'è possibilità di programmare il futuro, non c'è possibilità di definire uno scambio: tipo ad esempio un anno in più ma dateci adeguati assegni di disoccupazione.
La riforma decorre dal 2015. Ma un decreto riguarda norme di cui si riconosce l'urgenza. Qui non c'è urgenza, si poteva anche trovare il tempo per un confronto. Decorre dal 2015, quando ci sarà un altro Governo.
Si fa come fece Maroni con lo scalone, si scarica su chi viene dopo.
Magra consolazione per i più vicini alla pensione la norma recita: "In sede di prima attuazione, l'incremento dell'età pensionabile riferito al primo quinquennio antecedente non può comunque superare i tre mesi."
Ancora una volta si penalizzano i giovani. Il Governo conferma inoltre la possibilità per le pubbliche amministrazioni di imporre l'andata in pensione ai dipendenti che hanno quarant'anni di contributi. E' una colossale contraddizione! Quindi in uno stesso ufficio può esserci un impiegato di cinquantotto anni con quaranta di contributi obbligato ad andare in pensione anche se non vuole e un impiegata di cinquantotto con meno contributi che si vede spostare da 60 a 61 l'età pensionabile. E chi è anche ancora più giovane non sa. Così è un terno al lotto con molte ingiustizie!







Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'pensioni' »

TAGCLOUD
costituzione esodati paritĂ  di genere universitĂ  salute legge di stabiitĂ  bologna decreto sanitĂ  Bersani legge di stabilitĂ  festa. unitĂ  pensioni donne emilia-romagna elezioni terzo settore sanitĂ  affari sociali attivitĂ  parlamentare


AGENDA
06 dicembre 2017
Alla vigilia di giorni decisivi per la legge sul fine vita e lo ius soli, ci troviamo domani a parlarne al Centro Sanrafčl di Bologna...
04 dicembre 2017
"Biotestamento, l'importanza di scegliere": il Pd organizza un incontro „"Biotestamento, l'importanza di scegliere" Oggi a Faenza alle 18, nella Sala Bigari della Residenza Municipale “
02 dicembre 2017
Testamento biologico e principio di autodeterminazione della persona - Salerno Palazzo di Giustizia, ore 9.30

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright © Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl