»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Giorni decisivi per la legge sul biotestamento - NEWSLETTER
17 novembre 2017

 

La proposta di legge sul Biotestamento (consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento) approvata alla Camera il 20 aprile con 317 voti a favore è ferma al Senato per molte ragioni tecniche che però nascondono difficoltà politiche. Mancano poche settimane utili prima della fine della legislatura per approvarla definitivamente. Questo è un grido di allarme e una richiesta d'impegno... manca pochissimo! Ho sollecitato in questi giorni tanti interlocutori perché ci sia un movimento dell'opinione pubblica che sostenga l'approvazione della legge. Ho proposto che nei Consigli Comunali, in particolare in quelli che per primi hanno dato risposta al problema, istituendo i registri di raccolta delle Dat, si approvino ordini del giorno che sollecitino il Senato. Potete anche sottoscrivere la petizione online che trovate QUI.

Due eventi hanno riacceso l'attenzione su questo tema, in questi giorni. La bella lettera di Michele Gesualdi ai giornali e il messaggio di Papa Francesco. Michele Gesualdi, già allievo di Don Milani ed ex Presidente della Provincia di Firenze, è ora malato di SLA e chiede strumenti per far valere la sua volontà, sollecitando quindi l'approvazione della legge (potete leggere la sua lettera QUI).

Ieri poi l'intervento di Papa Francesco al meeting regionale europeo della World Medical Association, che ha di nuovo acceso l'attenzione sul tema. Oggi tutti i media riportano la notizia dell'intervento (che trovate in allegato in fondo pagina), ma in concreto cosa ha detto il Papa? Ha riconosciuto innanzitutto i grandi progressi della medicina, ma ha anche tenuto a sottolineare che: Gli interventi sul corpo umano diventano sempre più efficaci, ma non sempre sono risolutivi: possono sostenere funzioni biologiche divenute insufficienti, o addirittura sostituirle, ma questo non equivale a promuovere la salute. Occorre quindi un supplemento di saggezza, perché oggi è più insidiosa la tentazione di insistere con trattamenti che producono potenti effetti sul corpo, ma talora non giovano al bene integrale della persona”. Ha ricordato inoltre che “il Papa Pio XII, in un memorabile discorso rivolto 60 anni fa ad anestesisti e rianimatori, sottolineò che non c'è obbligo di impiegare sempre tutti i mezzi terapeutici potenzialmente disponibili e che, in casi ben determinati, è lecito astenersene”.

Il passaggio che mi ha colpito di più è quello nel quale mette al centro della decisione la volontà del malato: in questo percorso la persona malata riveste il ruolo principale. Lo dice con chiarezza il Catechismo della Chiesa Cattolica: «Le decisioni devono essere prese dal paziente, se ne ha la competenza e la capacità» (ibid.). È anzitutto lui che ha titolo, ovviamente in dialogo con i medici, di valutare i trattamenti che gli vengono proposti e giudicare sulla loro effettiva proporzionalità nella situazione concreta, rendendone doverosa la rinuncia qualora tale proporzionalità fosse riconosciuta mancante. La libertà di scelta del paziente è il cardine della nostra proposta di legge!

Non manca inoltre la riflessione che le grandi possibilità terapeutiche, offerte dalla medicina di oggi, non sono nella disponibilità di tutti, in tutti i Paesi. Essere ricco o povero, purtroppo, fa la differenza, anche rispetto alla libertà di scelta.

Sarebbe un errore ritenere che di per sé la lettera del Papa sia un'adesione incondizionata ad una legge. Non è così. Il Papa ha ben chiaro che il suo messaggio si rivolge alle coscienze dei fedeli mentre la legge, laicamente, è indirizzata ai cittadini di quel dato Paese. Questo non toglie però che la lettera sia molto bella e meriti l'attenzione di tutti, credenti e non credenti.

Tutto ciò conferma che questo è il momento giusto per approvare una legge civile, equilibrata e necessaria. Impegniamoci tutti!





Allegati correlati:
1. intervento_PAPA [ Scarica il file » ]




TAGS:
fine vita |  biotestamento | 



Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'salute' »

TAGCLOUD
elezioni pensioni terzo settore legge di stabilità esodati sanità legge di stabiità bologna Bersani attività parlamentare donne parità di genere salute costituzione festa. unità affari sociali decreto sanità università emilia-romagna


AGENDA
06 dicembre 2017
Alla vigilia di giorni decisivi per la legge sul fine vita e lo ius soli, ci troviamo domani a parlarne al Centro Sanrafl di Bologna...
04 dicembre 2017
"Biotestamento, l'importanza di scegliere": il Pd organizza un incontro "Biotestamento, l'importanza di scegliere" Oggi a Faenza alle 18, nella Sala Bigari della Residenza Municipale
02 dicembre 2017
Testamento biologico e principio di autodeterminazione della persona - Salerno Palazzo di Giustizia, ore 9.30

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl