»
Newsletter »
   HOME       BIOGRAFIA       I MIEI INTERVENTI       ARCHIVIO NEWS       COMUNICATI STAMPA       DOCUMENTI       CONTI IN TASCA       RESOCONTO DI MANDATO       CONTATTI   


Lenzi sottoscrive l'appello per il finanziamento del "Nodo di Rastignano"
23 dicembre 2008

PROPOSTA DI APPELLO

Il 5 settembre 2008, con la sottoscrizione del Rapporto di VIA, si è concluso l'iter per

l'approvazione del progetto definitivo "Variante alla Strada Statale n. 65 "della Futa",

conosciuto anche come "Nodo di Rastignano", dopo oltre 20 anni di ritardi, dovuti a

difficoltà burocratiche, blocchi delle procedure d'appalto e variazioni di progetto,

L'iter del progetto del Nodo di Rastignano è stato estremamente lungo e difficoltoso. Dopo

le difficoltà delle procedure d'appalto negli anni '90, la Provincia di Bologna, con

l'acquisizione della proprietà delle strade ANAS, assume nel 2003 l'incarico della

progettazione e realizzazione dell'opera.

Il progetto preliminare viene approvato nel 2005 e quello definitivo all'inizio del 2006. La

conferenza dei servizi, apertasi nel 2006, dopo la richiesta di integrazioni (88 osservazioni)

che ha portato alla modifica del progetto, si è conclusa positivamente il 5 settembre 2008.

Sono state accolte osservazioni, sollecitazioni e suggerimenti provenienti dai territori, dai

comitati, dai Comuni, dalla Soprintendenza e dal Servizio Tecnico di Bacino e da altri

soggetti, osservazioni che rendono l'intervento maggiormente compatibile con il territorio in

cui va ad inserirsi.Regione, Provincia e Comuni hanno fatto il loro dovere arrivando

all'approvazione del progetto.

Nasce quindi ora la necessità di trovare il finanziamento per l'opera, dal costo complessivo

di 52 milioni di Euro, considerando che sono disponibili circa 7 milioni di euro, il cui

finanziamento era già stato promesso dai precedenti Governi (esistono impegni scritti

dell'ex Ministro Lunardi, dell'ex Presidente Prodi e dell'ex Ministro Di Pietro).

L'intervento è fondamentale per quel quadrante bolognese, ai fini del collegamento con il

sistema tangenziale-autostradale e, per questo, chiediamo di essere messi nelle

condizioni di poter aprire i cantieri il prima possibile. Se quest'opera non venisse subito

realizzata l'intera area, già fortemente svantaggiata in questo ventennio di ritardi, sarebbe
destinata ad un declino sotto il profilo economico, industriale e di conseguenza sociale.

In questi anni già molte aziende del territorio sono state obbligate a chiudere o a

trasferirsi perché costrette quotidianamente a fare i conti con una viabilità

paralizzata e penalizzante dal punto di vista economico.
.
.

La straordinarietà della situazione, unita ai ritardi prolungati per un ventennio, fanno sì che

non sia più rimandabile l'intervento. Il mancato finanziamento provocherebbe ulteriori

ritardi progettuali, rimettendo in discussione l'intera opera per chissà quanto tempo.

Questo appello, firmato e condiviso da tutte le realtà politiche, industriali, economiche,

del territorio bolognese, nasce dalla necessità di richiedere in maniera forte e decisa al

Governo un impegno immediato per il finanziamento dell'opera.






Lista completa »

· Visualizza i risultati per parola 'bologna' »

TAGCLOUD
decreto sanità salute pensioni università sanità affari sociali bologna terzo settore emilia-romagna Bersani elezioni donne attività parlamentare esodati parità di genere legge di stabilità welfare legge di stabiità festa. unità


AGENDA
07 agosto 2017
Casalecchio Festa Unit Piazza del Popolo: Donne e lavoro: violenze da fermare e diritti da acquisire
02 agosto 2017
Anniversario della strage alla Stazione di Bologna
13 luglio 2017
Testamento Biologico: perch una legge sul fine vita.

Archivio appuntamenti »

VIDEO



LINK
Camera dei deputati
www.camera.it
Partito Democratico
beta.partitodemocratico.it
Partito Democratico - Emilia Romagna
www.pder.it
Partito Democratico - Iscriviti al PD
www.pdbologna.org

Copyright Donata Lenzi - C.F. LNZDNT56H69A944X - Privacy policy - site by Antherica srl